Blog I dischi SSD non vanno deframmentati!
perché non deframmentare un SSD

I dischi SSD non vanno deframmentati!

I dischi SSD non vanno deframmentati!

Anche se usi la deframmentazione dei dischi da 20 anni, se hai un disco a stato solido (SSD) al posto del tradizionale disco fisso è inutile e perfino dannoso eseguire la deframmentazione. Vediamo perché.
La deframmentazione serve a “ordinare” i dati presenti su un supporto di memorizzazione, in modo tale che siano contigui. Questa operazione facilita la ricerca “meccanica” del dato, rendendone la lettura più veloce. I “vecchi” HDD lavoravano con un sistema a testine che si spostavano con un meccanismo elettromagnetico sulla superficie dei dischi. Avere i dati il più possibile deframmentati e contigui, rendeva questa operazione più veloce. I dischi SSD invece, per la loro struttura, non hanno questa necessità. Il tempo di accesso al dato sui dischi SSD è il medesimo, ovunque questo dato si trovi. Non solo: la memoria dei dischi SSD “si rovina” (passatcmi il termine molto forte) con l’aumentare delle operazioni di lettura/scrittura. La deframmentazione aumenta queste operazioni, eseguendo delle letture/scritture di fatto inutili.

 

Tutti i nomi di prodotti, loghi e marchi appartengono ai legittimi proprietari.
L’uso di tali nomi, loghi e marchi non implica alcun tipo di affiliazione con DIREZIONE22 S.r.l

Related Posts

Richiedi maggiori informazioni

Pin It on Pinterest

Share This

Share This

Share this post with your friends!

Share This

Share this post with your friends!